Una gita al GAMESCOM – 2011 Puntata: 1/2

Un nostro caro amico(un cervello in fuga dal bel paese) è riuscito a fare una gita al Gamescom di quest’anno e ci ha gentilmente concesso di postare un piccolo resoconto a puntate di quanto ha potuto vedere alla fiera tedesca. Non è stato possibile postare immediatamentele il resoconto perchè il nostro eroe Elendhur tra il lavoro è una meritata vacanza è impegnatissimo!

“Come promesso, vi riassumo brevemente l´esperienza che ho avuto al Gamescom 2011 di Colonia. In una parola: fantastico.

Arrivo puntuale per l´apertura delle ore 8:00 e, naturalmente, c´era giá moltissima gente. Tuttavia, forte del biglietto elettronico, evito di lusso la fila per i biglietti  e risparmio un´ora abbondante. Capisco che il tempo é la chiave del tutto e, data la moltitudine di individui e le file chilometriche, ho dovuto dare delle prioritá.

La prima tappa era di strada: mi dirigo al padiglione Bioware per dare un´occhiata a Star Wars: The Old Republic. Stranamente non c´era molta folla. Arrivo giusto in tempo per una dimostrazione del gioco in cui mostravano una mappa PvP. Lo staff ha scelto tra la folla tre giocatori che avrebbero giocato per la Repubblica; lo staff Bioware giocava invece Sith. Le classi erano gia “avanzate”: senza andare troppo nei dettagli sono stati scelti un heavy armour ranged con heavy blaster-rifle (Trooper), un Jedi Consular (credo, era piú caster-oriented), ed un simil-rogue dual blaster (Smuggler).

La battaglia era il solito “capture&hold”, niente di nuovo: bisogna catturare dei punti di interesse, che in questo caso erano tre postazioni computer che controllano il fuoco di tre grossi cannoni. I cannoni, inizialmente spenti, possono essere ruotati a sparare due grosse navi, una della Repubblica ed una dei Sith. La squadra che controlla le postazioni prende punti nel tempo (mentre i cannoni sparano alla nave nemica). Le uccisioni valgono punti addizionali. Vince chi arriva prima a 500 (in veritá chi arriva prima a 0 da 500) o chi ha piú punti allo scadere del tempo (15 min), quando una delle 2 navi viene abbattuta. Questa modalitá di PvP é vecchissima se si considerano i giochi FPS, ma in questo contesto la componente RPG aggiunge qualcosa. Nota carina, ci sono una serie di achievements durante gli scontri. Ad esempio, un paio di giocatori hanno ricevuto delle “medaglie” quando hanno totalizzato 20 uccisioni personali, oppure 50k danni totali inferti. Finito lo scontro, ci hanno fatto vedere una sorta di arena (Huttball), dove tutti possono sfidare tutti indipendentemente dalle fazioni. La presentazione si é poi conclusa con il nuovo trailer (veramente accattivante, anche se non é il trailer che ci interessa alla fine) e con la spiegazione di un paio di dettagli tecnici. A quel punto hanno fatto pausa e sono andato via.

Commento finale su SW:TOR: tutti sapevamo che era un ottimo themepark e per questo le mie aspettative erano relativamente basse. Certo, l´ambientazione é fenomenale, ma il gioco sembra essere davvero un “nulla di nuovo”. Tuttavia sono stato colpito dalla grafica molto ben fatta per cui video ed immagini non rendono realmente giustizia. Anche l´interfaccia e le meccaniche di gioco sembrano avere piccole chicche che disseppelliscono il gioco da un mezzo limbo in cui l´avrei parcheggiato. Voto finale: 7+ “

 


Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.